PER CONCLUDERE AFFARI
PER CONCLUDERE AFFARI
PER CONCLUDERE AFFARI
Scopri il nostro servizio di mediazione immobiliare, che ti consente di concludere qualsiasi operazione di vendita o locazione con la massima tempestività, tranquillità e sicurezza, grazie ad una domanda e offerta potenzialmente illimitate e ad un’analisi e verifica degli immobili seria e puntuale…
Scopri il nostro servizio di mediazione immobiliare, che ti consente di concludere qualsiasi operazione di vendita o locazione con la massima tempestività, tranquillità e sicurezza, grazie ad una domanda e offerta potenzialmente illimitate e ad un’analisi e verifica degli immobili seria e puntuale…
Scopri il nostro servizio di mediazione immobiliare, che ti consente di concludere qualsiasi operazione di vendita o locazione con la massima tempestività, tranquillità e sicurezza, grazie ad una domanda e offerta potenzialmente illimitate e ad un’analisi e verifica degli immobili seria e puntuale…
Il valore di un immobile dipende da quanto un acquirente è disposto a pagare per averlo e, nello stesso tempo, un venditore è disposto ad aspettare per cederlo.
Il valore di un immobile dipende da quanto un acquirente è disposto a pagare per averlo e, nello stesso tempo, un venditore è disposto ad aspettare per cederlo.
Il valore di un immobile dipende da quanto un acquirente è disposto a pagare per averlo e, nello stesso tempo, un venditore è disposto ad aspettare per cederlo.

Un’operazione immobiliare non potrà mai concludersi se il venditore vuole imporre un prezzo superiore al valore di mercato, oppure l’acquirente non vuole imporre un limite di tempo alla sua ricerca.

Se stai pensando di vendere o acquistare un immobile gestendo da solo l’intera operazione immobiliare, vogliamo spiegarti perché ti converrebbe rivolgerti ad un professionista. Se stai pensando di affidarti ad un agente immobiliare qualsiasi, oppure a più agenti contemporaneamente, vogliamo spiegarti perché ti converrebbe scegliere un unico professionista che lavora come noi. A questo punto, se stai pensando di rivolgerti direttamente a noi, vogliamo spiegarti perché potremmo essere costretti, nostro malgrado, a rinunciare all’incarico.

Un’operazione immobiliare non potrà mai concludersi se il venditore vuole imporre un prezzo superiore al valore di mercato, oppure l’acquirente non vuole imporre un limite di tempo alla sua ricerca.

Se stai pensando di vendere o acquistare un immobile gestendo da solo l’intera operazione immobiliare, vogliamo spiegarti perché ti converrebbe rivolgerti ad un professionista. Se stai pensando di affidarti ad un agente immobiliare qualsiasi, oppure a più agenti contemporaneamente, vogliamo spiegarti perché ti converrebbe scegliere un unico professionista che lavora come noi. A questo punto, se stai pensando di rivolgerti direttamente a noi, vogliamo spiegarti perché potremmo essere costretti, nostro malgrado, a rinunciare all’incarico.

Un’operazione immobiliare non potrà mai concludersi se il venditore vuole imporre un prezzo superiore al valore di mercato, oppure l’acquirente non vuole imporre un limite di tempo alla sua ricerca.

Se stai pensando di vendere o acquistare un immobile gestendo da solo l’intera operazione immobiliare, vogliamo spiegarti perché ti converrebbe rivolgerti ad un professionista. Se stai pensando di affidarti ad un agente immobiliare qualsiasi, oppure a più agenti contemporaneamente, vogliamo spiegarti perché ti converrebbe scegliere un unico professionista che lavora come noi. A questo punto, se stai pensando di rivolgerti direttamente a noi, vogliamo spiegarti perché potremmo essere costretti, nostro malgrado, a rinunciare all’incarico.

Se pensi che non convenga rivolgersi agli agenti immobiliari, oppure se pensi che gli agenti immobiliari siano tutti uguali, ecco 3+3 buoni motivi per cambiare idea.
Se pensi che non convenga rivolgersi agli agenti immobiliari, oppure se pensi che gli agenti immobiliari siano tutti uguali, ecco 3+3 buoni motivi per cambiare idea.
Se pensi che non convenga rivolgersi agli agenti immobiliari, oppure se pensi che gli agenti immobiliari siano tutti uguali, ecco 3+3 buoni motivi per cambiare idea.
VENDITORI E LOCATORI
VENDITORI E LOCATORI
VENDITORI E LOCATORI

Considerati i valori economici degli immobili e l’importanza che rivestono in ogni attività umana, qualsiasi operazione immobiliare andrebbe sempre affrontata con la massima cura e attenzione. Perciò, consci del nostro ruolo sociale, aiutiamo le persone a realizzare il loro progetto di vita e le aziende a sviluppare il loro business. Infatti, abbiamo le competenze e gli strumenti per ottenere il miglior risultato possibile, nel minor tempo possibile. Per dimostrarlo proviamo ad invertire il ragionamento.

Vediamo cosa comporterebbe il fai-da-te immobiliare, quindi rinunciando alla professionalità di un agente immobiliare.

Appendere qualche cartello, scattare qualche fotografia e scrivere una descrizione non è difficile, anche pubblicare l’annuncio su qualche portale on-line o su qualche rivista cartacea non è difficile. Invece, fare bene queste azioni e, soprattutto, coordinarle è già molto più difficile. In ogni caso, non bastano queste azioni per essere sicuri di concludere bene un’operazione immobiliare. Così facendo, probabilmente l’operazione si concluderebbe bene per la controparte o forse non si concluderebbe affatto, ma difficilmente si concluderebbe bene per te. Perché, oltre a queste azioni, ce ne sarebbero tante altre da mettere in campo, che andrebbero affrontate con le competenze e gli strumenti giusti.

Dovresti presentare l’immobile nel migliore dei modi e sviluppare una strategia di marketing efficace.

Altrimenti, se non facessi nulla, il tuo annuncio pubblicitario si ritroverebbe a galleggiare in un mare di annunci simili, quindi con nessuna possibilità di farsi notare rispetto agli altri. E comunque, sarebbe sistematicamente surclassato da quegli annunci che, studiati e preparati con professionalità, riescono a rendere i rispettivi immobili i protagonisti assoluti del mercato. Alla fine, ti ritroveresti a combattere una guerra tra poveri per cercare di accaparrarti le “briciole” del mercato immobiliare, con scarse possibilità di incidere nelle trattative.

Dovresti conoscere il valore di mercato dell’immobile e metterlo in pubblicità proprio con quel prezzo o canone.

Ma temiamo che difficilmente resisteresti alla tentazione di chiedere la cifra che pensi tu, (ovviamente ben al di sopra del valore di mercato), credendo di essere l’unico in grado di valutare correttamente l’immobile. Purtroppo, temiamo anche che insisteresti su questa cifra ad oltranza in attesa dell’arrivo prima o poi del cosiddetto “amatore”, ossia di quell’inesistente figura leggendaria disposta economicamente a tutto pur di avere quell’immobile. Alla fine, quando ti convincerai che la realtà è ben diversa, o abbandonerai la vendita o entrerai nella spirale del ribasso del prezzo che potrebbe trascinarti fino alla svendita dell’immobile.

Dovresti avere il tempo, effettuati i dovuti controlli e verifiche, per risolvere tutti gli eventuali problemi presenti.

Qualunque problema, di natura tecnica o giuridica, che venisse trascurato o, peggio, nascosto in questa fase, potrebbe uscirebbe comunque allo scoperto durante le trattative, oppure al momento della stipula del contratto preliminare o del rogito notarile, se non addirittura dopo la stessa conclusione dell’affare. A questo punto, la controparte, a seconda dei casi, potrebbe ritirarsi definitivamente dalla trattativa, altrimenti potrebbe rivendicare i propri diritti, chiedendo un’ulteriore riduzione del prezzo già pattuito, oppure rinunciando alla stessa operazione con l’ottenimento del doppio della caparra o il risarcimento del maggior danno.

Dovresti avere il tempo per seguire e gestire le visite delle persone interessate all’acquisto o alla locazione.

Come potrai facilmente intuire, saranno loro ad importi i giorni e gli orari degli appuntamenti e tu dovrai fare i salti mortali per accontentarli, pur di non rischiare di perderli sin da subito. Le tue giornate saranno scandite soprattutto da questi incontri e non più dai tuoi impegni quotidiani, sia lavorativi che familiari. Inoltre, durante le visite all’immobile la tua presenza risulterà sempre ingombrante e scomoda, rischiando di non far sentire le persone a proprio agio. Sappiamo bene quanto le emozioni siano importanti nelle scelte da compiere. Ma potrebbe anche bastare un atteggiamento male interpretato o una parola fuori posto per compromettere irrimediabilmente una visita.

Dovresti valutare l’effettiva capacità economica delle persone interessate e capire se poterti fidare di loro.

Quando si presenteranno potranno farti credere quello che vorranno, mentre tu sarai troppo coinvolto per giudicarle con obiettività e, comunque, anche volendo non avresti nemmeno gli strumenti per farlo. E poi, per te queste persone saranno dei perfetti sconosciuti, esattamente identici a tutti quegli sconosciuti che, nel tempo, hanno bussato alla porta di casa tua e a cui tu ti sei sempre rifiutato di aprire. Invece, adesso dovresti far entrare chiunque si presenti a quella porta, senza verificare le sue generalità o conoscere le sue reali intenzioni, dandogli la possibilità di osservare e chiedere qualsiasi cosa.

Dovresti accettare una significativa riduzione del prezzo o canone, con la scusa dell’assenza di una provvigione da pagare.

Naturalmente, questa richiesta verrebbe formulata soltanto nelle fasi conclusive della trattativa, come un ultimo sforzo da compiere per poter concludere l’operazione immobiliare. Ebbene, non essendoci effettivamente alcuna provvigione da pagare, difficilmente potrai opporti a questa richiesta e, alla fine, sarai costretto ad accettarla pur di non perdere l’affare. Così facendo, tutti i tuoi sforzi saranno stati inutili, azzerandosi di fatto l’unico vantaggio del fai-da-te immobiliare.

Dovresti rinunciare a priori a tutte quelle persone, già profilate e qualificate, presenti nei database degli agenti immobiliari.

Si tratta senza dubbio del più grande limite del fai-da-te immobiliare. Non dare l’incarico ad un agente immobiliare che collabora significa, non soltanto rinunciare alle persone potenzialmente interessate già inserite nel suo database, ma soprattutto rinunciare alle conoscenze e alla pubblicità di tutti gli altri agenti immobiliari pronti a collaborare con lui. In questo modo, perderesti una grande fetta di domanda del mercato immobiliare, e si tratterebbe pure della fetta migliore. Infatti, non parliamo semplicemente di richieste generiche, bensì di richieste verificate e specificatamente rivolte ad immobili simili al tuo.

Pensi che, a conti fatti, valga la pena di seguire questa strada?

Non esiste modo migliore per tutelare gli interessi delle persone, se non quello di svolgere l’attività di mediazione sulla base di incarichi in esclusiva, ma con obbligo di condivisione. Infatti, proprio grazie alla condivisione degli immobili, questo tipo di incarico, a differenza degli altri, offre solo vantaggi a tutte le parti coinvolte nell’operazione immobiliare. Per dimostrarlo proviamo ad invertire il ragionamento.

Vediamo cosa comporterebbe un incarico aperto conferito a diversi agenti immobiliari, quindi rinunciando ad un incarico in esclusiva.

Se, come è stato spiegato al punto precedente, il fai-da-te immobiliare risulta essere una soluzione sbagliata, al contrario incaricare quanti più agenti immobiliari possibili, senza quindi alcuna esclusiva, potrebbe sembrare la soluzione migliore. Ma le cose non stanno affatto così!

Ovviamente, non è in discussione il coinvolgimento in quanto tale degli agenti immobiliari, ma il come avviene questo coinvolgimento. Infatti, un conto è avere tanti agenti che procedono separatamente e confusamente verso l’obiettivo con altrettanti incarichi aperti, un altro conto è avere tanti agenti che procedono sinergicamente verso l’obiettivo, grazie ad un unico incarico in esclusiva, ma con obbligo di condivisione. E i risultati che otterresti nei due casi sono diametralmente opposti tra loro.

Otterresti una pubblicità assolutamente negativa e fuorviante, che metterebbe in cattiva luce l’immobile.

La presenza di tanti annunci diversi tra loro per pubblicizzare lo stesso immobile farebbe insospettire le persone interessate. Infatti, si domanderebbero per quale motivo si debba ricorrere a tanti agenti immobiliari che palesemente lavorano ciascuno per proprio conto e, in particolare, cosa si possa nascondere dietro questa scelta così estrema e apparentemente disperata.

Otterresti informazioni diverse per ogni annuncio, che creerebbero soltanto confusione e turbamento.

In ogni annuncio dell’immobile cambieranno le fotografie, la descrizione con i dettagli e forse, addirittura, anche il prezzo o il canone richiesto. Tutte queste informazioni così discordanti e contraddittorie non farebbero altro che creare sconcerto e irritazione nelle persone interessate che, non potendo sapere a cosa e a chi credere, non presterebbero più attenzione all’immobile.

Otterresti un totale disinteresse da parte degli agenti immobiliari incaricati, che non sarebbero motivati ad investire in attività di marketing.

Nessun agente immobiliare sarebbe disposto ad investire tempo e denaro in un’attività di marketing relativa ad un immobile che, in teoria, potrebbe essere venduto o locato da chiunque in qualsiasi momento. Di conseguenza, l’immobile verrebbe abbandonato a se stesso. Infatti, qualunque agente preferirà occuparsi a tempo pieno di quegli immobili che, essendo gestiti con incarichi in esclusiva, gli offrono maggiori certezze e possibilità di concludere affari.

Otterresti una forte rivalità tra gli agenti immobiliari, che si troverebbero in competizione per raggiungere l’obiettivo.

Il mancato conferimento di un incarico in esclusiva ad un agente immobiliare renderebbe molto complicata, se non praticamente impossibile, qualsiasi forma di collaborazione e, quindi, anche la condivisione dello stesso immobile sulle piattaforme MLS. In definitiva, per conferire un incarico aperto a qualche agente immobiliare, si rinuncia ad usufruire della collaborazione di decine, centinaia, migliaia di agenti.

Pensi che, a conti fatti, valga la pena di seguire questa strada?

Non ci interessa aggiungere un immobile al nostro portafoglio solo per fare numero. Invece, ci interessa vedere le persone soddisfatte alla conclusione dell’affare. Naturalmente, questa soddisfazione deve essere sempre valutata in funzione della specifica situazione dell’immobile e del mercato di riferimento locale. Il conferimento di un incarico di mediazione presuppone l’esistenza di motivazioni serie e forti, quindi non può essere considerato un semplice tentativo di sondare il mercato immobiliare. Perciò, quando ci rendiamo conto che le pretese delle persone sono eccessive e, di conseguenza, le aspettative sono esagerate, al punto da rendere l’operazione immobiliare ingestibile, se non addirittura impossibile, preferiamo lasciar perdere, piuttosto che dover vedere delusione, frustrazione e sconforto sui loro volti.

Un incarico di mediazione può concretizzarsi soltanto se si riesce a creare fiducia reciproca e sintonia d’intenti.

Se devi vendere o locare un immobile e vorresti affidarti a noi per farlo, dovremmo incontrarci almeno un paio di volte, prima di decidere entrambi se ci siano i presupposti o meno per iniziare un rapporto professionale proficuo e gratificante.

Ci incontreremo una prima volta direttamente presso l’immobile che devi vendere o locare.

Questo primo appuntamento innanzitutto sarà l’occasione per presentarci, affinché tu possa conoscere il nostro metodo di lavoro e noi conoscere le tue necessità, aspettative e motivazioni, ma soprattutto sarà l’occasione per osservare e studiare l’immobile. Così potrai mostrarcelo in tutti i suoi aspetti, descrivendone le caratteristiche e, magari, se meritevole di attenzione, raccontandone anche la storia. Per avere un quadro più chiaro della situazione e procedere alla valutazione dell’immobile, sarebbe opportuno che tu ci mostrassi sin da subito la relativa documentazione catastale. In particolare, in mancanza di dati precisi o affidabili su determinati ambienti o locali, sarà necessario effettuarne il rilievo planimetrico.

Entro qualche giorno riceverai via email l’indicazione del più probabile valore di mercato dell’immobile nello stato attuale e, se necessario, la sua oscillazione in funzione di alcune possibili condizioni alternative. Questa indicazione è sempre gratuita e senza impegno. Mentre, il rapporto di valutazione completo ti sarà consegnato, ancora gratuitamente, soltanto con l’eventuale conferimento dell’incarico di mediazione.

Fatte le tue valutazioni, se fossi ancora interessato, ci incontreremo una seconda volta.

Questo secondo appuntamento ci consentirà di stabilire se ci sono o meno i presupposti per lavorare insieme. Secondo le risultanze del primo incontro, diamo per scontato che, qualora riscontrassimo un qualsiasi problema che impedisse o rallentasse l’operazione immobiliare, comunque ci sarebbe la tua volontà di cercare di risolverlo con la massima celerità. Invece, questa volta, ci interessa capire in quali condizioni vorresti che l’immobile venga presentato sul mercato e, di conseguenza, quale prezzo o canone vorresti richiedere. Se ritenessimo tale valore compatibile con lo stato dell’immobile, accetteremmo l’incarico e ti presenteremmo il nostro piano di marketing personalizzato con le diverse attività previste e la loro scansione temporale.

Al contrario, qualora il prezzo o canone richiesto non fosse compatibile con le condizioni dell’immobile, sulla base delle nostre valutazioni e considerazioni, non accetteremmo alcun incarico perché non sarebbe eticamente e moralmente corretto nei tuoi riguardi. Infatti, questa incompatibilità, nella migliore delle ipotesi, determinerebbe una conclusione dell’affare assolutamente insoddisfacente in termini sia di tempo che di denaro perso.

Considerati i valori economici degli immobili e l’importanza che rivestono in ogni attività umana, qualsiasi operazione immobiliare andrebbe sempre affrontata con la massima cura e attenzione. Perciò, consci del nostro ruolo sociale, aiutiamo le persone a realizzare il loro progetto di vita e le aziende a sviluppare il loro business. Infatti, abbiamo le competenze e gli strumenti per ottenere il miglior risultato possibile, nel minor tempo possibile. Per dimostrarlo proviamo ad invertire il ragionamento.

Vediamo cosa comporterebbe il fai-da-te immobiliare, quindi rinunciando alla professionalità di un agente immobiliare.

Appendere qualche cartello, scattare qualche fotografia e scrivere una descrizione non è difficile, anche pubblicare l’annuncio su qualche portale on-line o su qualche rivista cartacea non è difficile. Invece, fare bene queste azioni e, soprattutto, coordinarle è già molto più difficile. In ogni caso, non bastano queste azioni per essere sicuri di concludere bene un’operazione immobiliare. Così facendo, probabilmente l’operazione si concluderebbe bene per la controparte o forse non si concluderebbe affatto, ma difficilmente si concluderebbe bene per te. Perché, oltre a queste azioni, ce ne sarebbero tante altre da mettere in campo, che andrebbero affrontate con le competenze e gli strumenti giusti.

Dovresti presentare l’immobile nel migliore dei modi e sviluppare una strategia di marketing efficace.

Altrimenti, se non facessi nulla, il tuo annuncio pubblicitario si ritroverebbe a galleggiare in un mare di annunci simili, quindi con nessuna possibilità di farsi notare rispetto agli altri. E comunque, sarebbe sistematicamente surclassato da quegli annunci che, studiati e preparati con professionalità, riescono a rendere i rispettivi immobili i protagonisti assoluti del mercato. Alla fine, ti ritroveresti a combattere una guerra tra poveri per cercare di accaparrarti le “briciole” del mercato immobiliare, con scarse possibilità di incidere nelle trattative.

Dovresti conoscere il valore di mercato dell’immobile e metterlo in pubblicità proprio con quel prezzo o canone.

Ma temiamo che difficilmente resisteresti alla tentazione di chiedere la cifra che pensi tu, (ovviamente ben al di sopra del valore di mercato), credendo di essere l’unico in grado di valutare correttamente l’immobile. Purtroppo, temiamo anche che insisteresti su questa cifra ad oltranza in attesa dell’arrivo prima o poi del cosiddetto “amatore”, ossia di quell’inesistente figura leggendaria disposta economicamente a tutto pur di avere quell’immobile. Alla fine, quando ti convincerai che la realtà è ben diversa, o abbandonerai la vendita o entrerai nella spirale del ribasso del prezzo che potrebbe trascinarti fino alla svendita dell’immobile.

Dovresti avere il tempo, effettuati i dovuti controlli e verifiche, per risolvere tutti gli eventuali problemi presenti.

Qualunque problema, di natura tecnica o giuridica, che venisse trascurato o, peggio, nascosto in questa fase, potrebbe uscirebbe comunque allo scoperto durante le trattative, oppure al momento della stipula del contratto preliminare o del rogito notarile, se non addirittura dopo la stessa conclusione dell’affare. A questo punto, la controparte, a seconda dei casi, potrebbe ritirarsi definitivamente dalla trattativa, altrimenti potrebbe rivendicare i propri diritti, chiedendo un’ulteriore riduzione del prezzo già pattuito, oppure rinunciando alla stessa operazione con l’ottenimento del doppio della caparra o il risarcimento del maggior danno.

Dovresti avere il tempo per seguire e gestire le visite delle persone interessate all’acquisto o alla locazione.

Come potrai facilmente intuire, saranno loro ad importi i giorni e gli orari degli appuntamenti e tu dovrai fare i salti mortali per accontentarli, pur di non rischiare di perderli sin da subito. Le tue giornate saranno scandite soprattutto da questi incontri e non più dai tuoi impegni quotidiani, sia lavorativi che familiari. Inoltre, durante le visite all’immobile la tua presenza risulterà sempre ingombrante e scomoda, rischiando di non far sentire le persone a proprio agio. Sappiamo bene quanto le emozioni siano importanti nelle scelte da compiere. Ma potrebbe anche bastare un atteggiamento male interpretato o una parola fuori posto per compromettere irrimediabilmente una visita.

Dovresti valutare l’effettiva capacità economica delle persone interessate e capire se poterti fidare di loro.

Quando si presenteranno potranno farti credere quello che vorranno, mentre tu sarai troppo coinvolto per giudicarle con obiettività e, comunque, anche volendo non avresti nemmeno gli strumenti per farlo. E poi, per te queste persone saranno dei perfetti sconosciuti, esattamente identici a tutti quegli sconosciuti che, nel tempo, hanno bussato alla porta di casa tua e a cui tu ti sei sempre rifiutato di aprire. Invece, adesso dovresti far entrare chiunque si presenti a quella porta, senza verificare le sue generalità o conoscere le sue reali intenzioni, dandogli la possibilità di osservare e chiedere qualsiasi cosa.

Dovresti accettare una significativa riduzione del prezzo o canone, con la scusa dell’assenza di una provvigione da pagare.

Naturalmente, questa richiesta verrebbe formulata soltanto nelle fasi conclusive della trattativa, come un ultimo sforzo da compiere per poter concludere l’operazione immobiliare. Ebbene, non essendoci effettivamente alcuna provvigione da pagare, difficilmente potrai opporti a questa richiesta e, alla fine, sarai costretto ad accettarla pur di non perdere l’affare. Così facendo, tutti i tuoi sforzi saranno stati inutili, azzerandosi di fatto l’unico vantaggio del fai-da-te immobiliare.

Dovresti rinunciare a priori a tutte quelle persone, già profilate e qualificate, presenti nei database degli agenti immobiliari.

Si tratta senza dubbio del più grande limite del fai-da-te immobiliare. Non dare l’incarico ad un agente immobiliare che collabora significa, non soltanto rinunciare alle persone potenzialmente interessate già inserite nel suo database, ma soprattutto rinunciare alle conoscenze e alla pubblicità di tutti gli altri agenti immobiliari pronti a collaborare con lui. In questo modo, perderesti una grande fetta di domanda del mercato immobiliare, e si tratterebbe pure della fetta migliore. Infatti, non parliamo semplicemente di richieste generiche, bensì di richieste verificate e specificatamente rivolte ad immobili simili al tuo.

Pensi che, a conti fatti, valga la pena di seguire questa strada?

Non esiste modo migliore per tutelare gli interessi delle persone, se non quello di svolgere l’attività di mediazione sulla base di incarichi in esclusiva, ma con obbligo di condivisione. Infatti, proprio grazie alla condivisione degli immobili, questo tipo di incarico, a differenza degli altri, offre solo vantaggi a tutte le parti coinvolte nell’operazione immobiliare. Per dimostrarlo proviamo ad invertire il ragionamento.

Vediamo cosa comporterebbe un incarico aperto conferito a diversi agenti immobiliari, quindi rinunciando ad un incarico in esclusiva.

Se, come è stato spiegato al punto precedente, il fai-da-te immobiliare risulta essere una soluzione sbagliata, al contrario incaricare quanti più agenti immobiliari possibili, senza quindi alcuna esclusiva, potrebbe sembrare la soluzione migliore. Ma le cose non stanno affatto così!

Ovviamente, non è in discussione il coinvolgimento in quanto tale degli agenti immobiliari, ma il come avviene questo coinvolgimento. Infatti, un conto è avere tanti agenti che procedono separatamente e confusamente verso l’obiettivo con altrettanti incarichi aperti, un altro conto è avere tanti agenti che procedono sinergicamente verso l’obiettivo, grazie ad un unico incarico in esclusiva, ma con obbligo di condivisione. E i risultati che otterresti nei due casi sono diametralmente opposti tra loro.

Otterresti una pubblicità assolutamente negativa e fuorviante, che metterebbe in cattiva luce l’immobile.

La presenza di tanti annunci diversi tra loro per pubblicizzare lo stesso immobile farebbe insospettire le persone interessate. Infatti, si domanderebbero per quale motivo si debba ricorrere a tanti agenti immobiliari che palesemente lavorano ciascuno per proprio conto e, in particolare, cosa si possa nascondere dietro questa scelta così estrema e apparentemente disperata.

Otterresti informazioni diverse per ogni annuncio, che creerebbero soltanto confusione e turbamento.

In ogni annuncio dell’immobile cambieranno le fotografie, la descrizione con i dettagli e forse, addirittura, anche il prezzo o il canone richiesto. Tutte queste informazioni così discordanti e contraddittorie non farebbero altro che creare sconcerto e irritazione nelle persone interessate che, non potendo sapere a cosa e a chi credere, non presterebbero più attenzione all’immobile.

Otterresti un totale disinteresse da parte degli agenti immobiliari incaricati, che non sarebbero motivati ad investire in attività di marketing.

Nessun agente immobiliare sarebbe disposto ad investire tempo e denaro in un’attività di marketing relativa ad un immobile che, in teoria, potrebbe essere venduto o locato da chiunque in qualsiasi momento. Di conseguenza, l’immobile verrebbe abbandonato a se stesso. Infatti, qualunque agente preferirà occuparsi a tempo pieno di quegli immobili che, essendo gestiti con incarichi in esclusiva, gli offrono maggiori certezze e possibilità di concludere affari.

Otterresti una forte rivalità tra gli agenti immobiliari, che si troverebbero in competizione per raggiungere l’obiettivo.

Il mancato conferimento di un incarico in esclusiva ad un agente immobiliare renderebbe molto complicata, se non praticamente impossibile, qualsiasi forma di collaborazione e, quindi, anche la condivisione dello stesso immobile sulle piattaforme MLS. In definitiva, per conferire un incarico aperto a qualche agente immobiliare, si rinuncia ad usufruire della collaborazione di decine, centinaia, migliaia di agenti.

Pensi che, a conti fatti, valga la pena di seguire questa strada?

Non ci interessa aggiungere un immobile al nostro portafoglio solo per fare numero. Invece, ci interessa vedere le persone soddisfatte alla conclusione dell’affare. Naturalmente, questa soddisfazione deve essere sempre valutata in funzione della specifica situazione dell’immobile e del mercato di riferimento locale. Il conferimento di un incarico di mediazione presuppone l’esistenza di motivazioni serie e forti, quindi non può essere considerato un semplice tentativo di sondare il mercato immobiliare. Perciò, quando ci rendiamo conto che le pretese delle persone sono eccessive e, di conseguenza, le aspettative sono esagerate, al punto da rendere l’operazione immobiliare ingestibile, se non addirittura impossibile, preferiamo lasciar perdere, piuttosto che dover vedere delusione, frustrazione e sconforto sui loro volti.

Un incarico di mediazione può concretizzarsi soltanto se si riesce a creare fiducia reciproca e sintonia d’intenti.

Se devi vendere o locare un immobile e vorresti affidarti a noi per farlo, dovremmo incontrarci almeno un paio di volte, prima di decidere entrambi se ci siano i presupposti o meno per iniziare un rapporto professionale proficuo e gratificante.

Ci incontreremo una prima volta direttamente presso l’immobile che devi vendere o locare.

Questo primo appuntamento innanzitutto sarà l’occasione per presentarci, affinché tu possa conoscere il nostro metodo di lavoro e noi conoscere le tue necessità, aspettative e motivazioni, ma soprattutto sarà l’occasione per osservare e studiare l’immobile. Così potrai mostrarcelo in tutti i suoi aspetti, descrivendone le caratteristiche e, magari, se meritevole di attenzione, raccontandone anche la storia. Per avere un quadro più chiaro della situazione e procedere alla valutazione dell’immobile, sarebbe opportuno che tu ci mostrassi sin da subito la relativa documentazione catastale. In particolare, in mancanza di dati precisi o affidabili su determinati ambienti o locali, sarà necessario effettuarne il rilievo planimetrico.

Entro qualche giorno riceverai via email l’indicazione del più probabile valore di mercato dell’immobile nello stato attuale e, se necessario, la sua oscillazione in funzione di alcune possibili condizioni alternative. Questa indicazione è sempre gratuita e senza impegno. Mentre, il rapporto di valutazione completo ti sarà consegnato, ancora gratuitamente, soltanto con l’eventuale conferimento dell’incarico di mediazione.

Fatte le tue valutazioni, se fossi ancora interessato, ci incontreremo una seconda volta.

Questo secondo appuntamento ci consentirà di stabilire se ci sono o meno i presupposti per lavorare insieme. Secondo le risultanze del primo incontro, diamo per scontato che, qualora riscontrassimo un qualsiasi problema che impedisse o rallentasse l’operazione immobiliare, comunque ci sarebbe la tua volontà di cercare di risolverlo con la massima celerità. Invece, questa volta, ci interessa capire in quali condizioni vorresti che l’immobile venga presentato sul mercato e, di conseguenza, quale prezzo o canone vorresti richiedere. Se ritenessimo tale valore compatibile con lo stato dell’immobile, accetteremmo l’incarico e ti presenteremmo il nostro piano di marketing personalizzato con le diverse attività previste e la loro scansione temporale.

Al contrario, qualora il prezzo o canone richiesto non fosse compatibile con le condizioni dell’immobile, sulla base delle nostre valutazioni e considerazioni, non accetteremmo alcun incarico perché non sarebbe eticamente e moralmente corretto nei tuoi riguardi. Infatti, questa incompatibilità, nella migliore delle ipotesi, determinerebbe una conclusione dell’affare assolutamente insoddisfacente in termini sia di tempo che di denaro perso.

Considerati i valori economici degli immobili e l’importanza che rivestono in ogni attività umana, qualsiasi operazione immobiliare andrebbe sempre affrontata con la massima cura e attenzione. Perciò, consci del nostro ruolo sociale, aiutiamo le persone a realizzare il loro progetto di vita e le aziende a sviluppare il loro business. Infatti, abbiamo le competenze e gli strumenti per ottenere il miglior risultato possibile, nel minor tempo possibile. Per dimostrarlo proviamo ad invertire il ragionamento.

Vediamo cosa comporterebbe il fai-da-te immobiliare, quindi rinunciando alla professionalità di un agente immobiliare.

Appendere qualche cartello, scattare qualche fotografia e scrivere una descrizione non è difficile, anche pubblicare l’annuncio su qualche portale on-line o su qualche rivista cartacea non è difficile. Invece, fare bene queste azioni e, soprattutto, coordinarle è già molto più difficile. In ogni caso, non bastano queste azioni per essere sicuri di concludere bene un’operazione immobiliare. Così facendo, probabilmente l’operazione si concluderebbe bene per la controparte o forse non si concluderebbe affatto, ma difficilmente si concluderebbe bene per te. Perché, oltre a queste azioni, ce ne sarebbero tante altre da mettere in campo, che andrebbero affrontate con le competenze e gli strumenti giusti.

Dovresti presentare l’immobile nel migliore dei modi e sviluppare una strategia di marketing efficace.

Altrimenti, se non facessi nulla, il tuo annuncio pubblicitario si ritroverebbe a galleggiare in un mare di annunci simili, quindi con nessuna possibilità di farsi notare rispetto agli altri. E comunque, sarebbe sistematicamente surclassato da quegli annunci che, studiati e preparati con professionalità, riescono a rendere i rispettivi immobili i protagonisti assoluti del mercato. Alla fine, ti ritroveresti a combattere una guerra tra poveri per cercare di accaparrarti le “briciole” del mercato immobiliare, con scarse possibilità di incidere nelle trattative.

Dovresti conoscere il valore di mercato dell’immobile e metterlo in pubblicità proprio con quel prezzo o canone.

Ma temiamo che difficilmente resisteresti alla tentazione di chiedere la cifra che pensi tu, (ovviamente ben al di sopra del valore di mercato), credendo di essere l’unico in grado di valutare correttamente l’immobile. Purtroppo, temiamo anche che insisteresti su questa cifra ad oltranza in attesa dell’arrivo prima o poi del cosiddetto “amatore”, ossia di quell’inesistente figura leggendaria disposta economicamente a tutto pur di avere quell’immobile. Alla fine, quando ti convincerai che la realtà è ben diversa, o abbandonerai la vendita o entrerai nella spirale del ribasso del prezzo che potrebbe trascinarti fino alla svendita dell’immobile.

Dovresti avere il tempo, effettuati i dovuti controlli e verifiche, per risolvere tutti gli eventuali problemi presenti.

Qualunque problema, di natura tecnica o giuridica, che venisse trascurato o, peggio, nascosto in questa fase, potrebbe uscirebbe comunque allo scoperto durante le trattative, oppure al momento della stipula del contratto preliminare o del rogito notarile, se non addirittura dopo la stessa conclusione dell’affare. A questo punto, la controparte, a seconda dei casi, potrebbe ritirarsi definitivamente dalla trattativa, altrimenti potrebbe rivendicare i propri diritti, chiedendo un’ulteriore riduzione del prezzo già pattuito, oppure rinunciando alla stessa operazione con l’ottenimento del doppio della caparra o il risarcimento del maggior danno.

Dovresti avere il tempo per seguire e gestire le visite delle persone interessate all’acquisto o alla locazione.

Come potrai facilmente intuire, saranno loro ad importi i giorni e gli orari degli appuntamenti e tu dovrai fare i salti mortali per accontentarli, pur di non rischiare di perderli sin da subito. Le tue giornate saranno scandite soprattutto da questi incontri e non più dai tuoi impegni quotidiani, sia lavorativi che familiari. Inoltre, durante le visite all’immobile la tua presenza risulterà sempre ingombrante e scomoda, rischiando di non far sentire le persone a proprio agio. Sappiamo bene quanto le emozioni siano importanti nelle scelte da compiere. Ma potrebbe anche bastare un atteggiamento male interpretato o una parola fuori posto per compromettere irrimediabilmente una visita.

Dovresti valutare l’effettiva capacità economica delle persone interessate e capire se poterti fidare di loro.

Quando si presenteranno potranno farti credere quello che vorranno, mentre tu sarai troppo coinvolto per giudicarle con obiettività e, comunque, anche volendo non avresti nemmeno gli strumenti per farlo. E poi, per te queste persone saranno dei perfetti sconosciuti, esattamente identici a tutti quegli sconosciuti che, nel tempo, hanno bussato alla porta di casa tua e a cui tu ti sei sempre rifiutato di aprire. Invece, adesso dovresti far entrare chiunque si presenti a quella porta, senza verificare le sue generalità o conoscere le sue reali intenzioni, dandogli la possibilità di osservare e chiedere qualsiasi cosa.

Dovresti accettare una significativa riduzione del prezzo o canone, con la scusa dell’assenza di una provvigione da pagare.

Naturalmente, questa richiesta verrebbe formulata soltanto nelle fasi conclusive della trattativa, come un ultimo sforzo da compiere per poter concludere l’operazione immobiliare. Ebbene, non essendoci effettivamente alcuna provvigione da pagare, difficilmente potrai opporti a questa richiesta e, alla fine, sarai costretto ad accettarla pur di non perdere l’affare. Così facendo, tutti i tuoi sforzi saranno stati inutili, azzerandosi di fatto l’unico vantaggio del fai-da-te immobiliare.

Dovresti rinunciare a priori a tutte quelle persone, già profilate e qualificate, presenti nei database degli agenti immobiliari.

Si tratta senza dubbio del più grande limite del fai-da-te immobiliare. Non dare l’incarico ad un agente immobiliare che collabora significa, non soltanto rinunciare alle persone potenzialmente interessate già inserite nel suo database, ma soprattutto rinunciare alle conoscenze e alla pubblicità di tutti gli altri agenti immobiliari pronti a collaborare con lui. In questo modo, perderesti una grande fetta di domanda del mercato immobiliare, e si tratterebbe pure della fetta migliore. Infatti, non parliamo semplicemente di richieste generiche, bensì di richieste verificate e specificatamente rivolte ad immobili simili al tuo.

Pensi che, a conti fatti, valga la pena di seguire questa strada?

Non esiste modo migliore per tutelare gli interessi delle persone, se non quello di svolgere l’attività di mediazione sulla base di incarichi in esclusiva, ma con obbligo di condivisione. Infatti, proprio grazie alla condivisione degli immobili, questo tipo di incarico, a differenza degli altri, offre solo vantaggi a tutte le parti coinvolte nell’operazione immobiliare. Per dimostrarlo proviamo ad invertire il ragionamento.

Vediamo cosa comporterebbe un incarico aperto conferito a diversi agenti immobiliari, quindi rinunciando ad un incarico in esclusiva.

Se, come è stato spiegato al punto precedente, il fai-da-te immobiliare risulta essere una soluzione sbagliata, al contrario incaricare quanti più agenti immobiliari possibili, senza quindi alcuna esclusiva, potrebbe sembrare la soluzione migliore. Ma le cose non stanno affatto così!

Ovviamente, non è in discussione il coinvolgimento in quanto tale degli agenti immobiliari, ma il come avviene questo coinvolgimento. Infatti, un conto è avere tanti agenti che procedono separatamente e confusamente verso l’obiettivo con altrettanti incarichi aperti, un altro conto è avere tanti agenti che procedono sinergicamente verso l’obiettivo, grazie ad un unico incarico in esclusiva, ma con obbligo di condivisione. E i risultati che otterresti nei due casi sono diametralmente opposti tra loro.

Otterresti una pubblicità assolutamente negativa e fuorviante, che metterebbe in cattiva luce l’immobile.

La presenza di tanti annunci diversi tra loro per pubblicizzare lo stesso immobile farebbe insospettire le persone interessate. Infatti, si domanderebbero per quale motivo si debba ricorrere a tanti agenti immobiliari che palesemente lavorano ciascuno per proprio conto e, in particolare, cosa si possa nascondere dietro questa scelta così estrema e apparentemente disperata.

Otterresti informazioni diverse per ogni annuncio, che creerebbero soltanto confusione e turbamento.

In ogni annuncio dell’immobile cambieranno le fotografie, la descrizione con i dettagli e forse, addirittura, anche il prezzo o il canone richiesto. Tutte queste informazioni così discordanti e contraddittorie non farebbero altro che creare sconcerto e irritazione nelle persone interessate che, non potendo sapere a cosa e a chi credere, non presterebbero più attenzione all’immobile.

Otterresti un totale disinteresse da parte degli agenti immobiliari incaricati, che non sarebbero motivati ad investire in attività di marketing.

Nessun agente immobiliare sarebbe disposto ad investire tempo e denaro in un’attività di marketing relativa ad un immobile che, in teoria, potrebbe essere venduto o locato da chiunque in qualsiasi momento. Di conseguenza, l’immobile verrebbe abbandonato a se stesso. Infatti, qualunque agente preferirà occuparsi a tempo pieno di quegli immobili che, essendo gestiti con incarichi in esclusiva, gli offrono maggiori certezze e possibilità di concludere affari.

Otterresti una forte rivalità tra gli agenti immobiliari, che si troverebbero in competizione per raggiungere l’obiettivo.

Il mancato conferimento di un incarico in esclusiva ad un agente immobiliare renderebbe molto complicata, se non praticamente impossibile, qualsiasi forma di collaborazione e, quindi, anche la condivisione dello stesso immobile sulle piattaforme MLS. In definitiva, per conferire un incarico aperto a qualche agente immobiliare, si rinuncia ad usufruire della collaborazione di decine, centinaia, migliaia di agenti.

Pensi che, a conti fatti, valga la pena di seguire questa strada?

Non ci interessa aggiungere un immobile al nostro portafoglio solo per fare numero. Invece, ci interessa vedere le persone soddisfatte alla conclusione dell’affare. Naturalmente, questa soddisfazione deve essere sempre valutata in funzione della specifica situazione dell’immobile e del mercato di riferimento locale. Il conferimento di un incarico di mediazione presuppone l’esistenza di motivazioni serie e forti, quindi non può essere considerato un semplice tentativo di sondare il mercato immobiliare. Perciò, quando ci rendiamo conto che le pretese delle persone sono eccessive e, di conseguenza, le aspettative sono esagerate, al punto da rendere l’operazione immobiliare ingestibile, se non addirittura impossibile, preferiamo lasciar perdere, piuttosto che dover vedere delusione, frustrazione e sconforto sui loro volti.

Un incarico di mediazione può concretizzarsi soltanto se si riesce a creare fiducia reciproca e sintonia d’intenti.

Se devi vendere o locare un immobile e vorresti affidarti a noi per farlo, dovremmo incontrarci almeno un paio di volte, prima di decidere entrambi se ci siano i presupposti o meno per iniziare un rapporto professionale proficuo e gratificante.

Ci incontreremo una prima volta direttamente presso l’immobile che devi vendere o locare.

Questo primo appuntamento innanzitutto sarà l’occasione per presentarci, affinché tu possa conoscere il nostro metodo di lavoro e noi conoscere le tue necessità, aspettative e motivazioni, ma soprattutto sarà l’occasione per osservare e studiare l’immobile. Così potrai mostrarcelo in tutti i suoi aspetti, descrivendone le caratteristiche e, magari, se meritevole di attenzione, raccontandone anche la storia. Per avere un quadro più chiaro della situazione e procedere alla valutazione dell’immobile, sarebbe opportuno che tu ci mostrassi sin da subito la relativa documentazione catastale. In particolare, in mancanza di dati precisi o affidabili su determinati ambienti o locali, sarà necessario effettuarne il rilievo planimetrico.

Entro qualche giorno riceverai via email l’indicazione del più probabile valore di mercato dell’immobile nello stato attuale e, se necessario, la sua oscillazione in funzione di alcune possibili condizioni alternative. Questa indicazione è sempre gratuita e senza impegno. Mentre, il rapporto di valutazione completo ti sarà consegnato, ancora gratuitamente, soltanto con l’eventuale conferimento dell’incarico di mediazione.

Fatte le tue valutazioni, se fossi ancora interessato, ci incontreremo una seconda volta.

Questo secondo appuntamento ci consentirà di stabilire se ci sono o meno i presupposti per lavorare insieme. Secondo le risultanze del primo incontro, diamo per scontato che, qualora riscontrassimo un qualsiasi problema che impedisse o rallentasse l’operazione immobiliare, comunque ci sarebbe la tua volontà di cercare di risolverlo con la massima celerità. Invece, questa volta, ci interessa capire in quali condizioni vorresti che l’immobile venga presentato sul mercato e, di conseguenza, quale prezzo o canone vorresti richiedere. Se ritenessimo tale valore compatibile con lo stato dell’immobile, accetteremmo l’incarico e ti presenteremmo il nostro piano di marketing personalizzato con le diverse attività previste e la loro scansione temporale.

Al contrario, qualora il prezzo o canone richiesto non fosse compatibile con le condizioni dell’immobile, sulla base delle nostre valutazioni e considerazioni, non accetteremmo alcun incarico perché non sarebbe eticamente e moralmente corretto nei tuoi riguardi. Infatti, questa incompatibilità, nella migliore delle ipotesi, determinerebbe una conclusione dell’affare assolutamente insoddisfacente in termini sia di tempo che di denaro perso.

ACQUIRENTI E CONDUTTORI
ACQUIRENTI E CONDUTTORI
ACQUIRENTI E CONDUTTORI

Considerati i valori economici degli immobili e l’importanza che rivestono in ogni attività umana, qualsiasi operazione immobiliare andrebbe sempre affrontata con la massima cura e attenzione. Perciò, consci del nostro ruolo sociale, aiutiamo le persone a realizzare il loro progetto di vita e le aziende a sviluppare il loro business. Infatti, abbiamo le competenze e gli strumenti per ottenere il miglior risultato possibile, nel minor tempo possibile. Per dimostrarlo proviamo ad invertire il ragionamento.

Vediamo cosa comporterebbe il fai-da-te immobiliare, quindi rinunciando alla professionalità di un agente immobiliare.

Passare il tempo a navigare sui portali alla ricerca dell’immobile perfetto difficilmente conduce ai risultati sperati. In primo luogo, perché è sbagliato puntare tutto sulla perfezione in una ricerca immobiliare. Infatti, bisogna trovare l’immobile che meglio soddisfa le proprie esigenze e ne rappresenta la migliore sintesi, ossia l’immobile giusto, a prescindere dal fatto che possa essere o meno perfetto. Poi, volendo si fa sempre in tempo a renderlo tale intervenendo su di esso. In secondo luogo, perché è sbagliato puntare tutto sui portali in una ricerca immobiliare. Infatti, ogni portale ti mostra solo una frazione degli annunci presenti sul mercato. Addirittura molti annunci non sono presenti su alcun portale ma soltanto sui rispettivi siti degli operatori immobiliari. Inoltre, ogni portale ti mostra innanzitutto gli annunci che vuole farti vedere a prescindere da ciò che stai realmente cercando. Perciò, già la sola ricerca si presenta molto più complessa e difficile di quella che potrebbe sembrare in un primo momento, per non parlare di tutte le altre azioni coordinate che andrebbero messe in campo.

Dovresti dedicarti con diligenza e assiduità alla ricerca degli immobili, cercando di conciliare questo impegno con il lavoro e la famiglia.

Siccome stai cercando un immobile esclusivamente tra gli annunci di privati, per intercettarne il più possibile con le caratteristiche desiderate, non è sufficiente stare seduti a scorrere le pagine di tutti i portali esistenti, (cosa comunque non facile), ma bisogna necessariamente muoversi a piedi nelle zone di interesse guardando tutti i cartelli pubblicitari affissi qua e là sui portoni, cancelli, muri e lampioni, (cosa ancora più difficile). Il tutto poi andrebbe ripetuto periodicamente.

Dovresti contattare, uno ad uno, i proprietari degli immobili e riuscire a concordare il momento giusto per visitarli.

Siccome queste persone nella vita non svolgono la professione di agente immobiliare, (infatti le hai scelte proprio per questo motivo), potresti essere costretto a doverli contattare più volte prima di poter parlare con loro. Sicuramente avranno tutto l’interesse a fissarti un appuntamento, tuttavia essendo persone esattamente come te, impegnate quotidianamente con il lavoro e la famiglia, far coincidere le disponibilità di entrambi non sarà facile.

Dovresti controllare con attenzione le condizioni dell’immobile e verificare la presenza di eventuali criticità.

Durante ogni visita non avresti accanto una figura come quella dell’agente immobiliare che è tenuto a illustrarti, (per quanto a sua conoscenza), sia i pregi che i difetti dell’immobile. Al contrario, avresti di fronte proprio quella controparte che, in buonafede, magari per semplici ragioni affettive o per superficialità, potrebbe avere qualche difficoltà a parlarti delle diverse criticità presenti. Ovviamente, non si può escludere che ci possa essere anche della malafede.

Dovresti controllare con attenzione la documentazione dell’immobile e verificare la presenza di eventuali problemi di natura giuridica o tecnica.

Anche in questo caso non avresti accanto una figura come quella dell’agente immobiliare che, controllata la documentazione esistente, potrebbe richiedere ulteriori documenti mancanti, oppure approfondimenti e verifiche in presenza di situazioni anomale o poco chiare. Al contrario, ancora una volta, avresti di fronte proprio quella controparte che, in buonafede, magari per semplice ignoranza o per superficialità, potrebbe essere la prima a non rendersi conto di eventuali problemi. Ovviamente, ancora una volta, non si può escludere che ci possa essere anche della malafede.

Dovresti trattare sul prezzo o canone richiesto e riuscire a capire se sia in linea o meno con il valore di mercato dell’immobile.

Durante la trattativa la presenza dell’agente immobiliare sarebbe estremamente preziosa per mediare tra le diverse esigenze e richieste delle parti coinvolte. In questo modo, si potrebbero riuscire ad appianare divergenze altrimenti insanabili. Al contrario, la sua assenza ti costringerebbe ad affrontare da solo la controparte in uno scontro dagli esiti imprevedibili.

Dovresti trattare sulle condizioni contrattuali richieste e riuscire a capire se siano corrette ed equilibrate.

Anche in questo caso la presenza dell’agente immobiliare avrebbe risolto il problema alla radice, in quanto si sarebbe potuto occupare personalmente della stesura del contratto preliminare o del contratto di locazione. Al contrario, ancora una volta, la sua assenza ti costringerebbe a verificare da solo le clausole contrattuali, ben sapendo che una volta sottoscritte saranno vincolanti.

Dovresti rinunciare a priori a tutti quegli immobili gestiti dagli agenti immobiliari, che rappresentano almeno il 50% del mercato.

Rinunciare al 50% degli immobili in vendita o in locazione è un grosso azzardo. Tralasciando il concetto di immobile “perfetto”, stai scommettendo sul fatto che l’immobile più adatto a te non sia presente in quella metà dell’offerta del mercato gestita proprio dagli agenti immobiliari. A questo punto, immagina la beffa se, dopo tutta la fatica fatta, a causa di questa rinuncia ti dovessi pure accontentare di un immobile poco adatto alle tue esigenze e desideri.

Pensi che, a conti fatti, valga la pena di seguire questa strada?

Quanto scritto si riferisce solamente alla formale attività di property finding, attraverso il conferimento di un incarico di mediazione per acquisto o conduzione immobiliare, e non all’informale servizio di ricerca immobiliare illustrato nella pagina dedicata sul sito.

Non esiste modo migliore per tutelare gli interessi delle persone, se non quello di svolgere l’attività di mediazione per acquisto o conduzione immobiliare sulla base di incarichi in esclusiva. Infatti, proprio grazie alla certezza e stabilità dei ruoli, questo tipo di incarico, a differenza degli altri, offre solo vantaggi a tutte le parti coinvolte nell’operazione immobiliare. Per dimostrarlo proviamo ad invertire il ragionamento.

Vediamo cosa comporterebbe un incarico aperto conferito a diversi agenti immobiliari, quindi rinunciando ad un incarico in esclusiva.

Se, come è stato spiegato al punto precedente, il fai-da-te immobiliare risulta essere una soluzione sbagliata, al contrario incaricare quanti più agenti immobiliari possibili, senza quindi alcuna esclusiva, potrebbe sembrare la soluzione migliore. Ma le cose non stanno affatto così!

Ovviamente, non è in discussione il coinvolgimento in quanto tale degli agenti immobiliari, ma il come avviene questo coinvolgimento. Infatti, un conto è avere tanti agenti che procedono separatamente e confusamente verso l’obiettivo con altrettanti incarichi aperti, un altro conto è avere un solo agente impegnato a tempo pieno per il raggiungimento dell’obiettivo, grazie ad un unico incarico in esclusiva. E i risultati che otterresti nei due casi sono diametralmente opposti tra loro.

Otterresti un totale disinteresse da parte degli agenti immobiliari, che non avrebbero alcuna motivazione a cercare l’immobile sul mercato.

Nessun agente immobiliare sarebbe disposto ad investire tempo e denaro in un’attività di ricerca relativa ad un immobile che, in teoria, potrebbe essere trovato da chiunque in qualsiasi momento. Di conseguenza, la ricerca verrebbe abbandonata a se stessa. Infatti, qualunque agente preferirà occuparsi a tempo pieno di quelle ricerche immobiliari che, essendo gestite con incarichi in esclusiva, gli offrono maggiori certezze e possibilità di concludere affari.

Otterresti una forte rivalità tra gli agenti immobiliari, che si troverebbero in competizione per raggiungere l’obiettivo.

Il mancato conferimento di un incarico in esclusiva ad un agente immobiliare renderebbe molto complicata, se non praticamente impossibile, qualsiasi forma di collaborazione e, quindi, anche la ricerca di un immobile sulle piattaforme MLS. In definitiva, per conferire un incarico aperto a qualche agente immobiliare, si rinuncia ad usufruire della collaborazione di decine, centinaia, migliaia di agenti.

Pensi che, a conti fatti, valga la pena di seguire questa strada?

Quanto scritto si riferisce solamente alla formale attività di property finding, attraverso il conferimento di un incarico di mediazione per acquisto o conduzione immobiliare, e non all’informale servizio di ricerca immobiliare illustrato nella pagina dedicata sul sito.

Non ci interessa aggiungere una persona al nostro portafoglio solo per fare numero. Invece, ci interessa avere a che fare con persone determinate a trovare l’immobile giusto per loro. Il conferimento di un incarico di mediazione per acquisto o conduzione immobiliare presuppone l’esistenza di motivazioni serie e forti, quindi non può essere considerato un semplice tentativo di sondare il mercato immobiliare. Perciò, quando ci rendiamo conto che le idee delle persone sono confuse e, di conseguenza, le aspettative non sono chiare, al punto da rendere l’operazione immobiliare ingestibile, se non addirittura impossibile, preferiamo lasciar perdere, piuttosto che dover vedere delusione, frustrazione e sconforto sui loro volti.

Un incarico di mediazione può concretizzarsi soltanto se si riesce a creare fiducia reciproca e sintonia d’intenti.

Se devi acquistare o condurre un immobile e vorresti affidarti a noi per farlo, dovremmo incontrarci almeno una volta, prima di decidere entrambi se ci siano i presupposti o meno per iniziare un rapporto professionale proficuo e gratificante.

Ci incontreremo direttamente presso il tuo domicilio o qualsiasi altra sede consona.

Se non hai nulla in contrario, ci incontreremo presso il tuo domicilio, non solo per semplificarti la vita, ma anche perché, se necessario, proprio osservando le caratteristiche di quell’immobile, per analogia o per contrasto potremmo farci un’idea più chiara di quello che stai cercando. Infatti, a volte capita che alcuni desideri rimangano inespressi e nascosti nella nostra mente, mentre sono ben visibili ed espliciti nelle nostre cose. Questo appuntamento sarà l’occasione per presentarci, affinché tu possa conoscere il nostro metodo di lavoro e noi conoscere le tue necessità, aspettative e motivazioni, oltre alle caratteristiche dell’immobile che vorresti acquistare o condurre e alla disponibilità economica per farlo. Se ritenessimo tale operazione congrua e fattibile, accetteremmo l’incarico e ci metteremmo subito al lavoro.

Al contrario, qualora l’importo massimo stabilito non fosse compatibile con la descrizione dell’immobile desiderato, sulla base delle nostre valutazioni e considerazioni, non accetteremmo alcun incarico perché non sarebbe eticamente e moralmente corretto nei tuoi riguardi. Infatti, questa incompatibilità non porterebbe ad alcuna conclusione dell’affare, ma solo a perdere tempo e denaro.

Considerati i valori economici degli immobili e l’importanza che rivestono in ogni attività umana, qualsiasi operazione immobiliare andrebbe sempre affrontata con la massima cura e attenzione. Perciò, consci del nostro ruolo sociale, aiutiamo le persone a realizzare il loro progetto di vita e le aziende a sviluppare il loro business. Infatti, abbiamo le competenze e gli strumenti per ottenere il miglior risultato possibile, nel minor tempo possibile. Per dimostrarlo proviamo ad invertire il ragionamento.

Vediamo cosa comporterebbe il fai-da-te immobiliare, quindi rinunciando alla professionalità di un agente immobiliare.

Passare il tempo a navigare sui portali alla ricerca dell’immobile perfetto difficilmente conduce ai risultati sperati. In primo luogo, perché è sbagliato puntare tutto sulla perfezione in una ricerca immobiliare. Infatti, bisogna trovare l’immobile che meglio soddisfa le proprie esigenze e ne rappresenta la migliore sintesi, ossia l’immobile giusto, a prescindere dal fatto che possa essere o meno perfetto. Poi, volendo si fa sempre in tempo a renderlo tale intervenendo su di esso. In secondo luogo, perché è sbagliato puntare tutto sui portali in una ricerca immobiliare. Infatti, ogni portale ti mostra solo una frazione degli annunci presenti sul mercato. Addirittura molti annunci non sono presenti su alcun portale ma soltanto sui rispettivi siti degli operatori immobiliari. Inoltre, ogni portale ti mostra innanzitutto gli annunci che vuole farti vedere a prescindere da ciò che stai realmente cercando. Perciò, già la sola ricerca si presenta molto più complessa e difficile di quella che potrebbe sembrare in un primo momento, per non parlare di tutte le altre azioni coordinate che andrebbero messe in campo.

Dovresti dedicarti con diligenza e assiduità alla ricerca degli immobili, cercando di conciliare questo impegno con il lavoro e la famiglia.

Siccome stai cercando un immobile esclusivamente tra gli annunci di privati, per intercettarne il più possibile con le caratteristiche desiderate, non è sufficiente stare seduti a scorrere le pagine di tutti i portali esistenti, (cosa comunque non facile), ma bisogna necessariamente muoversi a piedi nelle zone di interesse guardando tutti i cartelli pubblicitari affissi qua e là sui portoni, cancelli, muri e lampioni, (cosa ancora più difficile). Il tutto poi andrebbe ripetuto periodicamente.

Dovresti contattare, uno ad uno, i proprietari degli immobili e riuscire a concordare il momento giusto per visitarli.

Siccome queste persone nella vita non svolgono la professione di agente immobiliare, (infatti le hai scelte proprio per questo motivo), potresti essere costretto a doverli contattare più volte prima di poter parlare con loro. Sicuramente avranno tutto l’interesse a fissarti un appuntamento, tuttavia essendo persone esattamente come te, impegnate quotidianamente con il lavoro e la famiglia, far coincidere le disponibilità di entrambi non sarà facile.

Dovresti controllare con attenzione le condizioni dell’immobile e verificare la presenza di eventuali criticità.

Durante ogni visita non avresti accanto una figura come quella dell’agente immobiliare che è tenuto a illustrarti, (per quanto a sua conoscenza), sia i pregi che i difetti dell’immobile. Al contrario, avresti di fronte proprio quella controparte che, in buonafede, magari per semplici ragioni affettive o per superficialità, potrebbe avere qualche difficoltà a parlarti delle diverse criticità presenti. Ovviamente, non si può escludere che ci possa essere anche della malafede.

Dovresti controllare con attenzione la documentazione dell’immobile e verificare la presenza di eventuali problemi di natura giuridica o tecnica.

Anche in questo caso non avresti accanto una figura come quella dell’agente immobiliare che, controllata la documentazione esistente, potrebbe richiedere ulteriori documenti mancanti, oppure approfondimenti e verifiche in presenza di situazioni anomale o poco chiare. Al contrario, ancora una volta, avresti di fronte proprio quella controparte che, in buonafede, magari per semplice ignoranza o per superficialità, potrebbe essere la prima a non rendersi conto di eventuali problemi. Ovviamente, ancora una volta, non si può escludere che ci possa essere anche della malafede.

Dovresti trattare sul prezzo o canone richiesto e riuscire a capire se sia in linea o meno con il valore di mercato dell’immobile.

Durante la trattativa la presenza dell’agente immobiliare sarebbe estremamente preziosa per mediare tra le diverse esigenze e richieste delle parti coinvolte. In questo modo, si potrebbero riuscire ad appianare divergenze altrimenti insanabili. Al contrario, la sua assenza ti costringerebbe ad affrontare da solo la controparte in uno scontro dagli esiti imprevedibili.

Dovresti trattare sulle condizioni contrattuali richieste e riuscire a capire se siano corrette ed equilibrate.

Anche in questo caso la presenza dell’agente immobiliare avrebbe risolto il problema alla radice, in quanto si sarebbe potuto occupare personalmente della stesura del contratto preliminare o del contratto di locazione. Al contrario, ancora una volta, la sua assenza ti costringerebbe a verificare da solo le clausole contrattuali, ben sapendo che una volta sottoscritte saranno vincolanti.

Dovresti rinunciare a priori a tutti quegli immobili gestiti dagli agenti immobiliari, che rappresentano almeno il 50% del mercato.

Rinunciare al 50% degli immobili in vendita o in locazione è un grosso azzardo. Tralasciando il concetto di immobile “perfetto”, stai scommettendo sul fatto che l’immobile più adatto a te non sia presente in quella metà dell’offerta del mercato gestita proprio dagli agenti immobiliari. A questo punto, immagina la beffa se, dopo tutta la fatica fatta, a causa di questa rinuncia ti dovessi pure accontentare di un immobile poco adatto alle tue esigenze e desideri.

Pensi che, a conti fatti, valga la pena di seguire questa strada?

Quanto scritto si riferisce solamente alla formale attività di property finding, attraverso il conferimento di un incarico di mediazione per acquisto o conduzione immobiliare, e non all’informale servizio di ricerca immobiliare illustrato nella pagina dedicata sul sito.

Non esiste modo migliore per tutelare gli interessi delle persone, se non quello di svolgere l’attività di mediazione per acquisto o conduzione immobiliare sulla base di incarichi in esclusiva. Infatti, proprio grazie alla certezza e stabilità dei ruoli, questo tipo di incarico, a differenza degli altri, offre solo vantaggi a tutte le parti coinvolte nell’operazione immobiliare. Per dimostrarlo proviamo ad invertire il ragionamento.

Vediamo cosa comporterebbe un incarico aperto conferito a diversi agenti immobiliari, quindi rinunciando ad un incarico in esclusiva.

Se, come è stato spiegato al punto precedente, il fai-da-te immobiliare risulta essere una soluzione sbagliata, al contrario incaricare quanti più agenti immobiliari possibili, senza quindi alcuna esclusiva, potrebbe sembrare la soluzione migliore. Ma le cose non stanno affatto così!

Ovviamente, non è in discussione il coinvolgimento in quanto tale degli agenti immobiliari, ma il come avviene questo coinvolgimento. Infatti, un conto è avere tanti agenti che procedono separatamente e confusamente verso l’obiettivo con altrettanti incarichi aperti, un altro conto è avere un solo agente impegnato a tempo pieno per il raggiungimento dell’obiettivo, grazie ad un unico incarico in esclusiva. E i risultati che otterresti nei due casi sono diametralmente opposti tra loro.

Otterresti un totale disinteresse da parte degli agenti immobiliari, che non avrebbero alcuna motivazione a cercare l’immobile sul mercato.

Nessun agente immobiliare sarebbe disposto ad investire tempo e denaro in un’attività di ricerca relativa ad un immobile che, in teoria, potrebbe essere trovato da chiunque in qualsiasi momento. Di conseguenza, la ricerca verrebbe abbandonata a se stessa. Infatti, qualunque agente preferirà occuparsi a tempo pieno di quelle ricerche immobiliari che, essendo gestite con incarichi in esclusiva, gli offrono maggiori certezze e possibilità di concludere affari.

Otterresti una forte rivalità tra gli agenti immobiliari, che si troverebbero in competizione per raggiungere l’obiettivo.

Il mancato conferimento di un incarico in esclusiva ad un agente immobiliare renderebbe molto complicata, se non praticamente impossibile, qualsiasi forma di collaborazione e, quindi, anche la ricerca di un immobile sulle piattaforme MLS. In definitiva, per conferire un incarico aperto a qualche agente immobiliare, si rinuncia ad usufruire della collaborazione di decine, centinaia, migliaia di agenti.

Pensi che, a conti fatti, valga la pena di seguire questa strada?

Quanto scritto si riferisce solamente alla formale attività di property finding, attraverso il conferimento di un incarico di mediazione per acquisto o conduzione immobiliare, e non all’informale servizio di ricerca immobiliare illustrato nella pagina dedicata sul sito.

Non ci interessa aggiungere una persona al nostro portafoglio solo per fare numero. Invece, ci interessa avere a che fare con persone determinate a trovare l’immobile giusto per loro. Il conferimento di un incarico di mediazione per acquisto o conduzione immobiliare presuppone l’esistenza di motivazioni serie e forti, quindi non può essere considerato un semplice tentativo di sondare il mercato immobiliare. Perciò, quando ci rendiamo conto che le idee delle persone sono confuse e, di conseguenza, le aspettative non sono chiare, al punto da rendere l’operazione immobiliare ingestibile, se non addirittura impossibile, preferiamo lasciar perdere, piuttosto che dover vedere delusione, frustrazione e sconforto sui loro volti.

Un incarico di mediazione può concretizzarsi soltanto se si riesce a creare fiducia reciproca e sintonia d’intenti.

Se devi acquistare o condurre un immobile e vorresti affidarti a noi per farlo, dovremmo incontrarci almeno una volta, prima di decidere entrambi se ci siano i presupposti o meno per iniziare un rapporto professionale proficuo e gratificante.

Ci incontreremo direttamente presso il tuo domicilio o qualsiasi altra sede consona.

Se non hai nulla in contrario, ci incontreremo presso il tuo domicilio, non solo per semplificarti la vita, ma anche perché, se necessario, proprio osservando le caratteristiche di quell’immobile, per analogia o per contrasto potremmo farci un’idea più chiara di quello che stai cercando. Infatti, a volte capita che alcuni desideri rimangano inespressi e nascosti nella nostra mente, mentre sono ben visibili ed espliciti nelle nostre cose. Questo appuntamento sarà l’occasione per presentarci, affinché tu possa conoscere il nostro metodo di lavoro e noi conoscere le tue necessità, aspettative e motivazioni, oltre alle caratteristiche dell’immobile che vorresti acquistare o condurre e alla disponibilità economica per farlo. Se ritenessimo tale operazione congrua e fattibile, accetteremmo l’incarico e ci metteremmo subito al lavoro.

Al contrario, qualora l’importo massimo stabilito non fosse compatibile con la descrizione dell’immobile desiderato, sulla base delle nostre valutazioni e considerazioni, non accetteremmo alcun incarico perché non sarebbe eticamente e moralmente corretto nei tuoi riguardi. Infatti, questa incompatibilità non porterebbe ad alcuna conclusione dell’affare, ma solo a perdere tempo e denaro.

Considerati i valori economici degli immobili e l’importanza che rivestono in ogni attività umana, qualsiasi operazione immobiliare andrebbe sempre affrontata con la massima cura e attenzione. Perciò, consci del nostro ruolo sociale, aiutiamo le persone a realizzare il loro progetto di vita e le aziende a sviluppare il loro business. Infatti, abbiamo le competenze e gli strumenti per ottenere il miglior risultato possibile, nel minor tempo possibile. Per dimostrarlo proviamo ad invertire il ragionamento.

Vediamo cosa comporterebbe il fai-da-te immobiliare, quindi rinunciando alla professionalità di un agente immobiliare.

Passare il tempo a navigare sui portali alla ricerca dell’immobile perfetto difficilmente conduce ai risultati sperati. In primo luogo, perché è sbagliato puntare tutto sulla perfezione in una ricerca immobiliare. Infatti, bisogna trovare l’immobile che meglio soddisfa le proprie esigenze e ne rappresenta la migliore sintesi, ossia l’immobile giusto, a prescindere dal fatto che possa essere o meno perfetto. Poi, volendo si fa sempre in tempo a renderlo tale intervenendo su di esso. In secondo luogo, perché è sbagliato puntare tutto sui portali in una ricerca immobiliare. Infatti, ogni portale ti mostra solo una frazione degli annunci presenti sul mercato. Addirittura molti annunci non sono presenti su alcun portale ma soltanto sui rispettivi siti degli operatori immobiliari. Inoltre, ogni portale ti mostra innanzitutto gli annunci che vuole farti vedere a prescindere da ciò che stai realmente cercando. Perciò, già la sola ricerca si presenta molto più complessa e difficile di quella che potrebbe sembrare in un primo momento, per non parlare di tutte le altre azioni coordinate che andrebbero messe in campo.

Dovresti dedicarti con diligenza e assiduità alla ricerca degli immobili, cercando di conciliare questo impegno con il lavoro e la famiglia.

Siccome stai cercando un immobile esclusivamente tra gli annunci di privati, per intercettarne il più possibile con le caratteristiche desiderate, non è sufficiente stare seduti a scorrere le pagine di tutti i portali esistenti, (cosa comunque non facile), ma bisogna necessariamente muoversi a piedi nelle zone di interesse guardando tutti i cartelli pubblicitari affissi qua e là sui portoni, cancelli, muri e lampioni, (cosa ancora più difficile). Il tutto poi andrebbe ripetuto periodicamente.

Dovresti contattare, uno ad uno, i proprietari degli immobili e riuscire a concordare il momento giusto per visitarli.

Siccome queste persone nella vita non svolgono la professione di agente immobiliare, (infatti le hai scelte proprio per questo motivo), potresti essere costretto a doverli contattare più volte prima di poter parlare con loro. Sicuramente avranno tutto l’interesse a fissarti un appuntamento, tuttavia essendo persone esattamente come te, impegnate quotidianamente con il lavoro e la famiglia, far coincidere le disponibilità di entrambi non sarà facile.

Dovresti controllare con attenzione le condizioni dell’immobile e verificare la presenza di eventuali criticità.

Durante ogni visita non avresti accanto una figura come quella dell’agente immobiliare che è tenuto a illustrarti, (per quanto a sua conoscenza), sia i pregi che i difetti dell’immobile. Al contrario, avresti di fronte proprio quella controparte che, in buonafede, magari per semplici ragioni affettive o per superficialità, potrebbe avere qualche difficoltà a parlarti delle diverse criticità presenti. Ovviamente, non si può escludere che ci possa essere anche della malafede.

Dovresti controllare con attenzione la documentazione dell’immobile e verificare la presenza di eventuali problemi di natura giuridica o tecnica.

Anche in questo caso non avresti accanto una figura come quella dell’agente immobiliare che, controllata la documentazione esistente, potrebbe richiedere ulteriori documenti mancanti, oppure approfondimenti e verifiche in presenza di situazioni anomale o poco chiare. Al contrario, ancora una volta, avresti di fronte proprio quella controparte che, in buonafede, magari per semplice ignoranza o per superficialità, potrebbe essere la prima a non rendersi conto di eventuali problemi. Ovviamente, ancora una volta, non si può escludere che ci possa essere anche della malafede.

Dovresti trattare sul prezzo o canone richiesto e riuscire a capire se sia in linea o meno con il valore di mercato dell’immobile.

Durante la trattativa la presenza dell’agente immobiliare sarebbe estremamente preziosa per mediare tra le diverse esigenze e richieste delle parti coinvolte. In questo modo, si potrebbero riuscire ad appianare divergenze altrimenti insanabili. Al contrario, la sua assenza ti costringerebbe ad affrontare da solo la controparte in uno scontro dagli esiti imprevedibili.

Dovresti trattare sulle condizioni contrattuali richieste e riuscire a capire se siano corrette ed equilibrate.

Anche in questo caso la presenza dell’agente immobiliare avrebbe risolto il problema alla radice, in quanto si sarebbe potuto occupare personalmente della stesura del contratto preliminare o del contratto di locazione. Al contrario, ancora una volta, la sua assenza ti costringerebbe a verificare da solo le clausole contrattuali, ben sapendo che una volta sottoscritte saranno vincolanti.

Dovresti rinunciare a priori a tutti quegli immobili gestiti dagli agenti immobiliari, che rappresentano almeno il 50% del mercato.

Rinunciare al 50% degli immobili in vendita o in locazione è un grosso azzardo. Tralasciando il concetto di immobile “perfetto”, stai scommettendo sul fatto che l’immobile più adatto a te non sia presente in quella metà dell’offerta del mercato gestita proprio dagli agenti immobiliari. A questo punto, immagina la beffa se, dopo tutta la fatica fatta, a causa di questa rinuncia ti dovessi pure accontentare di un immobile poco adatto alle tue esigenze e desideri.

Pensi che, a conti fatti, valga la pena di seguire questa strada?

Quanto scritto si riferisce solamente alla formale attività di property finding, attraverso il conferimento di un incarico di mediazione per acquisto o conduzione immobiliare, e non all’informale servizio di ricerca immobiliare illustrato nella pagina dedicata sul sito.

Non esiste modo migliore per tutelare gli interessi delle persone, se non quello di svolgere l’attività di mediazione per acquisto o conduzione immobiliare sulla base di incarichi in esclusiva. Infatti, proprio grazie alla certezza e stabilità dei ruoli, questo tipo di incarico, a differenza degli altri, offre solo vantaggi a tutte le parti coinvolte nell’operazione immobiliare. Per dimostrarlo proviamo ad invertire il ragionamento.

Vediamo cosa comporterebbe un incarico aperto conferito a diversi agenti immobiliari, quindi rinunciando ad un incarico in esclusiva.

Se, come è stato spiegato al punto precedente, il fai-da-te immobiliare risulta essere una soluzione sbagliata, al contrario incaricare quanti più agenti immobiliari possibili, senza quindi alcuna esclusiva, potrebbe sembrare la soluzione migliore. Ma le cose non stanno affatto così!

Ovviamente, non è in discussione il coinvolgimento in quanto tale degli agenti immobiliari, ma il come avviene questo coinvolgimento. Infatti, un conto è avere tanti agenti che procedono separatamente e confusamente verso l’obiettivo con altrettanti incarichi aperti, un altro conto è avere un solo agente impegnato a tempo pieno per il raggiungimento dell’obiettivo, grazie ad un unico incarico in esclusiva. E i risultati che otterresti nei due casi sono diametralmente opposti tra loro.

Otterresti un totale disinteresse da parte degli agenti immobiliari, che non avrebbero alcuna motivazione a cercare l’immobile sul mercato.

Nessun agente immobiliare sarebbe disposto ad investire tempo e denaro in un’attività di ricerca relativa ad un immobile che, in teoria, potrebbe essere trovato da chiunque in qualsiasi momento. Di conseguenza, la ricerca verrebbe abbandonata a se stessa. Infatti, qualunque agente preferirà occuparsi a tempo pieno di quelle ricerche immobiliari che, essendo gestite con incarichi in esclusiva, gli offrono maggiori certezze e possibilità di concludere affari.

Otterresti una forte rivalità tra gli agenti immobiliari, che si troverebbero in competizione per raggiungere l’obiettivo.

Il mancato conferimento di un incarico in esclusiva ad un agente immobiliare renderebbe molto complicata, se non praticamente impossibile, qualsiasi forma di collaborazione e, quindi, anche la ricerca di un immobile sulle piattaforme MLS. In definitiva, per conferire un incarico aperto a qualche agente immobiliare, si rinuncia ad usufruire della collaborazione di decine, centinaia, migliaia di agenti.

Pensi che, a conti fatti, valga la pena di seguire questa strada?

Quanto scritto si riferisce solamente alla formale attività di property finding, attraverso il conferimento di un incarico di mediazione per acquisto o conduzione immobiliare, e non all’informale servizio di ricerca immobiliare illustrato nella pagina dedicata sul sito.

Non ci interessa aggiungere una persona al nostro portafoglio solo per fare numero. Invece, ci interessa avere a che fare con persone determinate a trovare l’immobile giusto per loro. Il conferimento di un incarico di mediazione per acquisto o conduzione immobiliare presuppone l’esistenza di motivazioni serie e forti, quindi non può essere considerato un semplice tentativo di sondare il mercato immobiliare. Perciò, quando ci rendiamo conto che le idee delle persone sono confuse e, di conseguenza, le aspettative non sono chiare, al punto da rendere l’operazione immobiliare ingestibile, se non addirittura impossibile, preferiamo lasciar perdere, piuttosto che dover vedere delusione, frustrazione e sconforto sui loro volti.

Un incarico di mediazione può concretizzarsi soltanto se si riesce a creare fiducia reciproca e sintonia d’intenti.

Se devi acquistare o condurre un immobile e vorresti affidarti a noi per farlo, dovremmo incontrarci almeno una volta, prima di decidere entrambi se ci siano i presupposti o meno per iniziare un rapporto professionale proficuo e gratificante.

Ci incontreremo direttamente presso il tuo domicilio o qualsiasi altra sede consona.

Se non hai nulla in contrario, ci incontreremo presso il tuo domicilio, non solo per semplificarti la vita, ma anche perché, se necessario, proprio osservando le caratteristiche di quell’immobile, per analogia o per contrasto potremmo farci un’idea più chiara di quello che stai cercando. Infatti, a volte capita che alcuni desideri rimangano inespressi e nascosti nella nostra mente, mentre sono ben visibili ed espliciti nelle nostre cose. Questo appuntamento sarà l’occasione per presentarci, affinché tu possa conoscere il nostro metodo di lavoro e noi conoscere le tue necessità, aspettative e motivazioni, oltre alle caratteristiche dell’immobile che vorresti acquistare o condurre e alla disponibilità economica per farlo. Se ritenessimo tale operazione congrua e fattibile, accetteremmo l’incarico e ci metteremmo subito al lavoro.

Al contrario, qualora l’importo massimo stabilito non fosse compatibile con la descrizione dell’immobile desiderato, sulla base delle nostre valutazioni e considerazioni, non accetteremmo alcun incarico perché non sarebbe eticamente e moralmente corretto nei tuoi riguardi. Infatti, questa incompatibilità non porterebbe ad alcuna conclusione dell’affare, ma solo a perdere tempo e denaro.

Se devi vendere o locare il tuo immobile…
…Allora ti basta contattarci e ti assisteremo nella risoluzione del tuo problema. Valuteremo l’immobile, ne studieremo il target di riferimento e il piano di marketing, infine lo prepareremo per il mercato.
Se devi vendere o locare il tuo immobile…
…Allora ti basta contattarci e ti assisteremo nella risoluzione del tuo problema. Valuteremo l’immobile, ne studieremo il target di riferimento e il piano di marketing, infine lo prepareremo per il mercato.
Se devi vendere o locare il tuo immobile…
…Allora ti basta contattarci e ti assisteremo nella risoluzione del tuo problema. Valuteremo l’immobile, ne studieremo il target di riferimento e il piano di marketing, infine lo prepareremo per il mercato.

Se vuoi conoscere quanto potrebbe valere il tuo immobile… allora non devi fare altro che accomodarti!

Grazie ad un’attenta e rigorosa valutazione estimativa potremo indicarti, gratuitamente e senza impegno, il più probabile valore di mercato dell’immobile nello stato attuale e, se necessario, la sua oscillazione in funzione di alcune possibili condizioni alternative.

Se vuoi sapere come si potrebbe valorizzare il tuo immobile… allora non devi fare altro che accomodarti!

Come agenti immobiliari siamo stati tra i primi in Italia a specializzarci in Home Staging. Grazie alle nostre conoscenze ed esperienze maturate nel campo della valorizzazione immobiliare, possiamo studiare la soluzione migliore per presentare l’immobile sul mercato.

Se vuoi conoscere quanto potrebbe valere il tuo immobile… allora non devi fare altro che accomodarti!

Grazie ad un’attenta e rigorosa valutazione estimativa potremo indicarti, gratuitamente e senza impegno, il più probabile valore di mercato dell’immobile nello stato attuale e, se necessario, la sua oscillazione in funzione di alcune possibili condizioni alternative.

Se vuoi sapere come si potrebbe valorizzare il tuo immobile… allora non devi fare altro che accomodarti!

Come agenti immobiliari siamo stati tra i primi in Italia a specializzarci in Home Staging. Grazie alle nostre conoscenze ed esperienze maturate nel campo della valorizzazione immobiliare, possiamo studiare la soluzione migliore per presentare l’immobile sul mercato.

Se vuoi conoscere quanto potrebbe valere il tuo immobile… allora non devi fare altro che accomodarti!

Grazie ad un’attenta e rigorosa valutazione estimativa potremo indicarti, gratuitamente e senza impegno, il più probabile valore di mercato dell’immobile nello stato attuale e, se necessario, la sua oscillazione in funzione di alcune possibili condizioni alternative.

Se vuoi sapere come si potrebbe valorizzare il tuo immobile… allora non devi fare altro che accomodarti!

Come agenti immobiliari siamo stati tra i primi in Italia a specializzarci in Home Staging. Grazie alle nostre conoscenze ed esperienze maturate nel campo della valorizzazione immobiliare, possiamo studiare la soluzione migliore per presentare l’immobile sul mercato.

Se devi acquistare o condurre un immobile…
…Allora ti basta contattarci e ti aiuteremo nella realizzazione del tuo sogno. Cercheremo, tra tutti gli immobili presenti sul mercato, la soluzione che meglio soddisfa le tue esigenze e desideri.
Se devi acquistare o condurre un immobile…
…Allora ti basta contattarci e ti aiuteremo nella realizzazione del tuo sogno. Cercheremo, tra tutti gli immobili presenti sul mercato, la soluzione che meglio soddisfa le tue esigenze e desideri.
Se devi acquistare o condurre un immobile…
…Allora ti basta contattarci e ti aiuteremo nella realizzazione del tuo sogno. Cercheremo, tra tutti gli immobili presenti sul mercato, la soluzione che meglio soddisfa le tue esigenze e desideri.

Se vuoi cercare un immobile tra le nostre proposte… allora non devi fare altro che accomodarti!

Grazie alla collaborazione tra operatori immobiliari e alla condivisione degli immobili sulle piattaforme MLS, possiamo proporti non soltanto gli immobili gestiti direttamente da noi, ma anche quelli gestiti da altre decine, centinaia, migliaia di agenti immobiliari.

Se ancora non hai trovato l’immobile che cercavi… allora non devi fare altro che accomodarti!

Grazie ad un’accurata e continua ricerca nel mercato selezioneremo per te, gratuitamente e senza impegno, gli immobili compatibili con le tue aspettative, tra quelli di volta in volta disponibili. Li riceverai direttamente via email e potrai segnalarci quelli di tuo interesse.

Se vuoi cercare un immobile tra le nostre proposte… allora non devi fare altro che accomodarti!

Grazie alla collaborazione tra operatori immobiliari e alla condivisione degli immobili sulle piattaforme MLS, possiamo proporti non soltanto gli immobili gestiti direttamente da noi, ma anche quelli gestiti da altre decine, centinaia, migliaia di agenti immobiliari.

Se ancora non hai trovato l’immobile che cercavi… allora non devi fare altro che accomodarti!

Grazie ad un’accurata e continua ricerca nel mercato selezioneremo per te, gratuitamente e senza impegno, gli immobili compatibili con le tue aspettative, tra quelli di volta in volta disponibili. Li riceverai direttamente via email e potrai segnalarci quelli di tuo interesse.

Se vuoi cercare un immobile tra le nostre proposte… allora non devi fare altro che accomodarti!

Grazie alla collaborazione tra operatori immobiliari e alla condivisione degli immobili sulle piattaforme MLS, possiamo proporti non soltanto gli immobili gestiti direttamente da noi, ma anche quelli gestiti da altre decine, centinaia, migliaia di agenti immobiliari.

Se ancora non hai trovato l’immobile che cercavi… allora non devi fare altro che accomodarti!

Grazie ad un’accurata e continua ricerca nel mercato selezioneremo per te, gratuitamente e senza impegno, gli immobili compatibili con le tue aspettative, tra quelli di volta in volta disponibili. Li riceverai direttamente via email e potrai segnalarci quelli di tuo interesse.

Ti piacerebbe concludere qualsiasi operazione immobiliare in modo veloce, sicuro e conveniente?
Ti piacerebbe concludere qualsiasi operazione immobiliare in modo veloce, sicuro e conveniente?
Ti piacerebbe concludere qualsiasi operazione immobiliare in modo veloce, sicuro e conveniente?

A questo punto, cosa aspetti?… Basta pochissimo per avere tanto!

Se vuoi raggiungere i tuoi obiettivi immobiliari ti basta fare solo il primo passo, mentre tutti gli altri li faremo noi per te. Perciò, se vuoi usufruire del nostro servizio di mediazione immobiliare, non dovrai fare altro che contattarci per avere maggiori informazioni e fissare un appuntamento. Così facendo, potremo aiutarti a trasformare i sogni in realtà.

A questo punto, cosa aspetti?… Basta pochissimo per avere tanto!

Se vuoi raggiungere i tuoi obiettivi immobiliari ti basta fare solo il primo passo, mentre tutti gli altri li faremo noi per te. Perciò, se vuoi usufruire del nostro servizio di mediazione immobiliare, non dovrai fare altro che contattarci per avere maggiori informazioni e fissare un appuntamento. Così facendo, potremo aiutarti a trasformare i sogni in realtà.

A questo punto, cosa aspetti?… Basta pochissimo per avere tanto!

Se vuoi raggiungere i tuoi obiettivi immobiliari ti basta fare solo il primo passo, mentre tutti gli altri li faremo noi per te. Perciò, se vuoi usufruire del nostro servizio di mediazione immobiliare, non dovrai fare altro che contattarci per avere maggiori informazioni e fissare un appuntamento. Così facendo, potremo aiutarti a trasformare i sogni in realtà.